Bookmark and Share
Document Actions

Radunare Elementi Diversi in Collezioni Coerenti

Up one level
Plone consente di raccogliere contenuti da aree diverse dell’intero sito in un'area specifica: ecco come creare collezioni coerenti di oggetti.

Una collezione vi permette di raccogliere contenuti da aree diverse dell’intero sito Plone e di metterli in un’area specifica. Le collezioni creano un insieme di criteri comuni a tutti gli oggetti che volete radunare. Questi criteri possono essere vari: per esempio, tutte le immagini o le novità con scritto “Plone” nel testo, tutti gli elementi con una certa data di creazione, o tutti gli elementi con uno specifico valore (parola chiave) e/o un altro tipo di valore, e così via.

Potete combinare i criteri che desiderate, le possibilità sono infinite e possono soddisfare qualsiasi tipo di esigenza. Inoltre, potete impostare molte altre funzioni, come il numero di elementi da mostrare o l’ordine degli elementi dell’elenco. Le collezioni possono essere utilizzate per una notevole varietà di scopi; è possibile che molti usi vi verranno in mente a mano a mano che conoscerete la loro efficacia.

Plone produce flussi RSS anche per le collezioni. Con questi, potete tenere conto di aggiornamenti su un contenuto specifico che soddisfa certi criteri. Potete anche usare collezioni con l’unico scopo di generare uno specifico flusso RSS - per esempio, per tenere conto di tutte le notizie che parlano di un determinato argomento, o di un contenuto che un utente crea in una particolare area. Per usare questa funzione, basta cliccare il collegamento “Flusso RSS” posto in basso al pannello Visualizza. Ma partiamo dal come creare una collezione.

 

Aggiungere una Nuova Collezione

 

Per aggiungere una nuova collezione, selezionate l’opzione dal menù a tendina “Aggiungi nuovo”. Vedrete il pannello Aggiungi Collezione, come mostrato in Figura 3-47.

 

 

Fig.3-47. Modificare una collezione.

 

Questo pannello vi aiuta a creare la vostra collezione, preparando il contenitore, ma la parte più importante è quella relativa all’impostazione dei criteri, che vedremo nel prossimo paragrafo. L’unico campo obbligatorio è il titolo. Potete aggiungere una breve descrizione e un testo del documento per spiegare lo scopo della collezione o per fornire altre importanti informazioni. L’opzione Limita il Numero di Risultati vi permette di impostare un limite di risultati da mostrare: se selezionate la casella, dovreste anche inserire un numero nel campo sottostante, Numero di Elementi. La casella Mostra come Tabella vi consente di decidere se mostrare i risultati in una tabella o meno, e con il campo sottostante Colonne della Tabella è possibile selezionare il campo da mostrare nella tabella: basta cliccare l’elemento che si desidera aggiungere (questo è rappresentato da una nuova colonna nella tabella) e le freccette che puntano al riquadro di sinistra, che contiene i campi già inclusi (questi devono essere evidenziati, come mostrato in Figura 3-47).

 

Impostare i Criteri di Ricerca

 

Questa è la parte più complessa e importante. Per impostare i criteri, cliccate il tab Criteri posto vicino al tab Modifica sulla barra verde. Vedrete un nuovo pannello, come mostrato in Figura 3-48.

 

Fig.3-48. Impostare i criteri per una collezione.

 

La prima sezione del pannello è Aggiungi un Nuovo Criterio di Ricerca; selezionate il nome del campo dalle opzioni elencate nel menù a tendina e il campo sottostante “Tipo di criterio” cambierà a seconda della scelta. Usate questo secondo campo per selezionare il tipo di criteri che desiderate applicare. Per esempio, se scegliete Categorie dal menù a tendina del “Nome del campo”, vi saranno date tre opzioni nel campo “Tipo di criterio”:

· Seleziona i valori da un elenco: Questa opzione vi permette di selezionare i valori che volete impostare come criteri da una lista (che mostra tutti le categorie già aggiunte nel sito per il vostro contenuto: la Figura 3-49 vi dà un esempio). Se selezionate questa opzione, vi sarà chiesto di scegliere l’operatore usato per aggiungere differenti valori - “o”, l’opzione di default, che significa che un elemento, per essere incluso nella collezione, deve avere almeno una delle categorie selezionate (ne può avere più di una, ma una è abbastanza); “e” che significa che l’elemento deve avere tutte le categorie selezionate.

 

 

 

Fig.3-49. Scegliere le categorie da un elenco.

 

· Testo: Questa opzione vi permette di inserire una semplice stringa in un campo (la Figura 3-50 mostra il pannello che appare).

 

 

 

Fig.3-50. Inserire una semplice stringa.

 

· Elenco di valori: Questa opzione vi permette di creare un elenco di valori (la Figura 3-51 mostra il pannello che appare); vi verrà chiesto nuovamente di scegliere il tipo di operatore – “o” oppure “e”, come spiegato precedentemente.

 

 

 

Fig.3-51. Creare un elenco di valori.

 

Una volta terminata l’impostazione del criterio, cliccate il tasto Salva. La prima parte del pannello sarà ora occupata da una tabella contenente il criterio appena creato. In qualsiasi momento potete spuntare la casella nella colonna sinistra e cliccare il tasto Rimuovi per eliminarlo. La seconda parte del pannello avrà un nuovo riquadro per aggiungere un nuovo criterio di ricerca: ciò significa che potete aggiungere quanti criteri desiderate; ogni volta che ne create uno, appare sotto un nuovo riquadro come questo.

Diamo ora uno sguardo all’ultima parte del pannello, Imposta l’Ordinamento. Vi consente di impostare un ordine per le collezioni cliccando da un elenco del menù a tendina dei campi. L’opzione Inverso vi permette di invertire l’ordine di visualizzazione.

Quando avete finito di impostare i vostri criteri, potete cliccare il tab Visualizza per vedere i risultati mostrati dalla collezione. Potete anche aggiungere una collezione a una collezione: si può notare come nel pannello Visualizzazione, al posto del menù “Aggiungi nuovo” nella barra verde in alto, ci sia un’opzione “Aggiungi Collezione”. Cliccando l’opzione sarete in grado di creare un’altra collezione, che cerca i risultati nella collezione che li contiene. Il modo migliore per capire come funzionano le collezioni è fare alcune prove e provare ad aggiungerne diversi tipi. Vi renderete conto di quanto le collezioni siano strumenti efficacissimi e come rappresentino una grande funzione per organizzare il vostro contenuto senza intaccare la gerarchia esistente nel vostro sito.

 

 

 

by Dario Pollino last modified 2011-05-10 17:53
Contributors: Maurizio Delmonte, Davide Moro, Alice Narduzzo, Fabrizio Reale, Enrico Barra, Andrea Cannizzaro, Andrea D'Este, Maurizio Lupo, Giuseppe Masili, Dario Pollino, Matteo Sorba.