Fancy il nuovo modello di Social Commerce

Fancy è un social network molto simile a Pinterest ma con un modello di business definito. Un ulteriore passo verso il Social Commerce.

Fancy il nuovo modello di Social Commerce

Fancy

Fancy è un social network dall'interfaccia molto semplice, l'idea di base è quella di uno strumento per la condivisione di immagini e video, possibilmente di buona qualità, organizzabili in categorie, caricabili dagli utenti o catturabili sul web con il Fancy button installato sul proprio browser.

Fin qui, sembra proprio la copia del fratello maggiore Pinterest, eppure Fancy ha già fatto un passo in più nella direzione della monetizzazione. Se fino a Febbraio, ogni immagine rimandava al sito ufficiale del prodotto per l'acquisto, oggi Fancy consente le transazioni direttamente sul proprio sito e ovviamente trattiene una percentuale.
Questa soluzione sembra esser apprezzata sia dagli utenti che da Brand e investitori, infatti la start-up newyorkese, che ha lanciato l'e-commerce a Febbraio, con il suo milione di utenti registrati ha già raggiunto a Maggio il guadagno settimanale di 50.000$.
Il lancio è stato accelerato dalla partnership con Oscar de la Renta, un marchio di lusso che ha messo in vendita esclusivamente su Fancy, in edizione limitata, magliette da baseball glitterate a 2.490$, raggiungendo i nove ordini nella prima settimana, un traguardo di tutto rispetto considerando il marchio di nicchia e l'ancora esigua base utenti di Fancy.
Nato nel 2011, Fancy possiede oggi una base utenti di un milione di persone, con un target per il 60% maschile. Il mercato è, per ora, sopratutto quello americano e i numeri non sono ancora quelli cui siamo abituati con Facebook e Twitter, ma il modello di business è più chiaro di quello di molti altri protagonisti del web.
fancy mobileNon si può dire che questa start-up non sia lungimirante, a differenza di Pinterest la cui app mobile è arrivata in ritardo, solo per IPhone e con non pochi problemi, Fancy ha già pronte le app per App Store, Android, un passo importante verso il mercato crescente degli acquisti mobile, un mercato in rapida crescita che ci si aspetta chiuda il 2012 con un fatturato di 10 miliardi di dollari. Fancy ha già pronte anche le estensioni per i principali browser, che tra le altre cose, presentano direttamente tra i principali risultati di ricerca su Google le immagini presenti su Fancy, pronte per la condivisione e l'acquisto.

Il conto alla rovescia, che indica lo scadere dell'offerta, ricorda le dinamiche di Groupon, ma invece di essere le marche che convincono un gruppo di consumatori a comperare un prodotto attraverso un'offerta, sono i consumatori che creano la domanda per un prodotto o un servizio attraverso la condivisione di immagini di prodotti che vorrebbero acquistare, la comunità di utenti è molto partecipe nel cercare, commentare e giudicare ogni offerta.

A differenza di Pinterest degli inizi che manteneva la comunità "ristretta" limitando l'accesso attraverso inviti, Fancy incentiva l'estendersi della base utenti con una dinamica di crediti (sconti per gli acquisti) per chi invita amici ad unirsi alla comunità.
Insomma dopo i vari tentativi e i pochi successi dei social commerce con Fancy potremmo essere di fronte ad un modello che funziona, un'interfaccia social che permette la condivisione, i commenti e la partecipazione, unita a una possibilità di esplorare prodotti per marca, negozio e categorie di prodotto molto simili a quelle di qualunque store online.

Se Pinterest con le sue board anima la condivisione di desideri e sogni, Fancy porta con un click dalla wish list all'acquisto in modo semplice e sopratutto social.

Se, come abbiamo detto, Pinterest viene usato sopratutto per fare branding e per portare traffico al proprio sito Fancy più concretamente facilita l'incremento di fatturato. Per saperne di più e studiare la soluzione più adatta a te, contattaci.